Home Archivio L’altare Magico e i suoi poteri

L’altare Magico e i suoi poteri

0 1608

L’altare Magico e i suoi poteri

L’altare utilizzato per praticare le operazioni di  magia deve essere un tavolo di legno bianco o  una grande cassa di legno foderata con tela bianca.  L’altare deve essere coperto con una tela sottile e  bianca e deve costituire un pentacolo dell’universo  nei suoi tre piani: umano, naturale e divino, perciò la  disposizione più adeguata consiste nel collocare in  mezzo all’altare un pentagramma, che può essere  quello di Eliphas Levi, che è sintetico, o quello di  Agrippa, che è microcosmico.   Questo pentagramma dovrà essere disegnato sulla  pelle di un animale giovane (appena nato) o su pergamena o, ancor meglio, su carta fabbricata dallo  stesso mago, sotto gli auspici solari. Intorno al pentagono si dispongono sette piccoli cubi metallici che  corrispondono a ciascuno dei metalli planetari, e si  collocano nell’ordine della stella egiziana a sei punte.  Sull’estremità superiore destra (iod) dell’altare si  metterà la luce; sull’estremità superiore sinistra  (he), il fornello; all’estremità inferiore sinistra (vau),  il sale magico e all’estremità inferiore destra (he),  l’acqua magica.

Articoli simili

Nessun Commento

Lascia una Risposta