Home Archivio Piramide di Cheope

Piramide di Cheope

0 2340

Piramide Cheope

Circa cinquemila anni fa, gli egiziani costruirono quello che ancora oggi può essere considerato il più grande orologio del mondo: era progettato per registrare il passare del tempo non soltanto in ore, ma anche in giorni , stagioni e anche in secoli. Si tratta della piramide di Cheope che fu costruita nel XXVII secolo avanti Cristo, la più grande del gruppo di piramidi erette a Giza  sui bordi del Nilo. questa piramide è forse anche l’osservatorio astronomico più antico del pianeta.Nel 1853 il fisico francese Jean Baptiste Biot, visitò Giza e si convinse che la Piramide di Cheope era una gigantesca meridiana che non registrava soltanto l’ora del giorno, dato che gli egiziani l’avevano costruita in una ben determinata scala, ad una determinata latitudine e secondo un angolo così preciso da poter indicare anche il giorno dell’anno. Sul terreno antistante le sue facciate nord e sud, infatti, erano stati sistemati immensi blocchi di pietra.  Le dimensioni dei blocchi variava e corrispondeva, secondo Biot, al progresso dell’ombra proiettata a mezzogiorno – o della luce riflessa a mezzogiorno – rispetto al giorno precedente. Così si poteva misurare l’ora del giorno e prevedere  -inoltre – alcuni fondamentali elementi stagionali, come gli equinozi ed i solstizi. Nel XIX secolo, l’astronomo inglese Richard A. Proctor, sostenne che la grande piramide era stata costruita per essere un perfetto osservatorio.  Il passaggio che porta verso la parte più interna della piramide era stato costruito secondo un angolo di 26°17′ , l’esatto allineamento che permetteva di vedere la stella polare. Proctor mise inoltre in evidenza che la grande galleria centrale della Piramide  avrebbe fornito una piattaforma ideale dalla quale i sacerdoti dell’antico Egitto avrebbero potuto osservare i movimenti delle stelle e dei pianeti.

Articoli simili

Nessun Commento

Lascia una Risposta